Guest Nation Emre Erdemoğlu

Fashion / Design / Photography / Performance Conosciamo i designer della Pitti Guest Nation 2013
 

Con la collezione “The Glider”, omaggio alla memoria di Otto Lilienthal, eroico pioniere del volo sull’aliante, il designer si è aggiudicato il Premio Camera Nazionale della Moda Italiana alla 20esima edizione di Mittelmoda The Fashion Award. Uno stile nel menswear che fa tesoro della lezione del passato e la mixa con nuove applicazioni tecniche.

Il volo
 

La collezione del designer The Glider è un racconto che prende ispirazione dalla storia dell’aviatore Otto Lilienthal e dalla sua ricerca sull’arte del volo. Un viaggio guidato dalla tecnica, dai materiali e dai dettagli caratterizzati dal simbolo dell’aliante, abiti che portano con sé le suggestioni di un passato senza tempo. 

 

Fino a che punto il tuo paese influenza il tuo stile?
La Turchia è un paese molto ricco sotto tanti punti di vista; offre inesauribili fonti di ispirazione a un designer. Abbiamo un retroterra culturale diverso, speciale. In qualità di designer, mi sento un privilegiato a vivere qui. Quando preparo la mia collezione, mi colpisce soprattutto il confronto elettrizzante con la storia, la lezione del passato. Nel creare i miei personaggi per la collezione, mi sono imbattuto in un materiale molto ricco.
 
Cosa ti ha fatto innamorare del fashion design?
Mi emoziona creare accostando tessuti e colori diversi. Avvertire costantemente questa eccitazione febbrile mi rende felice.
 
Quest’anno la “guest nation” di Pitti Uomo e Pitti W è proprio la Turchia. Cosa dobbiamo aspettarci?
La città dei sette colli è rappresentata da sette designer, sette gentlemen… il nostro slogan è “Gentlemen of İstanbul”: i designer prescelti hanno ricevuto il compito di creare un look adatto a un gentiluomo contemporaneo ispirato alla nostra storia, alla nostra cultura, alla nostra identità...
 
A quali altre forme d’“arte” potrebbe essere paragonata la moda?
Penso che ogni forma d’arte sia strettamente connessa alle altre. Difficile stabilire un distinguo. L’ispirazione può scaturire dal colore di un dipinto, da una forma, da un dettaglio architettonico, nemmeno io so prevederlo con certezza.
 
Ci dica qualcosa sulla collezione che esporrà in quest’edizione di Pitti e sulle sue fonti di ispirazione.
La collezione “Glider” (aliante) rielabora fantasiose suggestioni dal passato (è ispirato a una storia di vita) in vestiti e costumi. Otto Lilienthal si può definire il primo pilota della storia per i suoi tentativi di volo con l’aliante a doppia ala. Ispirandosi agli uccelli nelle sue ricerche pionieristiche sull’arte del volo, Lilienthal si è lanciato più di duemila volte con gli alianti ad ala singola e ad ala doppia che progettava lui stesso.
 
I piccoli dettagli che arricchivano le sue variazioni sul tema sono la struttura portante della mia collezione. Il tema dell’“aliante” ricorre in ogni dettaglio della collezione.
Piani per il futuro?
Voglio continuare a lavorare in grande e avere grande successo, restando me stesso.
 
Un sogno. 
Il mio unico sogno è quello di creare fino al mio ultimo respiro, vivere per la moda.
 

 

Social