Designers Dead Meat

Fashion Who Is On Next? UOMO 2010
 
Attraverso l’abbigliamento esprimiamo noi stessi, i nostri desideri, vestiamo la nostra personalità, debolezze e pregi compresi. Per questo motivo Dead Meat è un progetto di comunicazione. E’ una factory fondata nel 2005 dal venticinquenne Giovanni Battista De Pol e composta da un gruppo di persone giovani ed osservatrici: Vera Todaro, Fabio Galavotti, Stefano Landini, Francesco Gandolfi, Silvia Bergomi, Emanuele Bacchelli, Laura Zaniboni e Umberto Sannino. Imparare ad osservare le cose nel mondo è l’obiettivo di Dead Meat e uno dei mezzi per farlo, veicolo di comunicazione privilegiato nell’era delle immagini, è l'abbigliamento, attraverso cui promuovere un pensiero critico. Dead Meat deve molto a William Burroughs, Kurt Cobain, Goethe e David Foster Wallace. Proprio dalla scelta di questi personaggi che hanno ispirato l’attività della factory si capisce il suo carattere eclettico, tipico di quella generazione, cresciuta nell’era mediatica, a cavallo tra televisione e web, vocata al multitasking. Questo è Dead Meat: affermare che si tratta solo di moda è riduttivo. 
 
Social