10 giu 2002

Events Matthew Barney

Performance Cremaster 3 e Cremaster Festival
 

19 - 24 giugno 2002

CREMASTER 3 è il terzo episodio, il quinto realizzato, della saga CREMASTER (titolo riferito al vocabolo che definisce il muscolo che sorregge i testicoli) concepita in cinque parti dall’artista statunitense Matthew Barney, che evitando programmaticamente l’ordine cronologico ha diretto CREMASTER 4 (1994), poi CREMASTER 1 (1995), CREMASTER 5 (1997), CREMASTER 2 (1999) e infine CREMASTER 3 (2002).
L’epopea CREMASTER parte dal sistema riproduttivo umano e descrive metaforicamente l’evoluzione della forma attraverso allusioni biologiche, psicossessuali e morfologiche. Usando un complesso sistema di simboli Barney esplora le nuove mitologie contemporanee e la continua evoluzione dell’organismo che cresce attraverso la strenua competizione con se stesso. L’artista medita attraverso le sue immagini, in modo assolutamente personale (gettando scompiglio nei diversi linguaggi del cinema e dell’arte) sulla realtà dell’individuo in una società dove l’identità di genere è ambigua e in movimento.
Dopo un viaggio tra le fate dell’isola di Man nel mare d’Irlanda (CREMASTER 4), un musical surreale girato su un campo di football americano in Idaho (CREMASTER 1), un melanconico finale fra i bagni e i teatri di Budapest (CREMASTER 5) e una sorta di western gotico, attraverso il sistema nervoso della cultura americana, sulla figura di Gary Gilmore patetico assassino, Matthew Barney in CREMASTER 3, perno centrale della saga, unisce il genere zombie thriller con il gangster. Nel film interpretato, oltre che dallo stesso Barney, dall’artista americano Richard Serra e dalla campionessa dei giochi olimpici per paraplegici nonché modella per Alexander McQueen e icona dell’America vincente a tutti i costi: Aimee Mullins, si distillano i pricipali temi e i progetti estetici dell’artista.
Il plot del film, che si svolge nel 1930, mescola mafia, massoneria, folclore celtico e passioni Art Deco. Si svolge tra New York, Saratoga Springs, Giant Causeway in Irlanda e la Fingall’s Cave a Staffa un’isola delle Ebridi Scozzesi. A New York il film è girato nel Chrysler Building e nel Guggenheim Museum.

CREMASTER 3, anno 2002
scritto e diretto da Matthew Barney
direttore della fotografia Peter Strietman
musica Jonathan Bepler
production designer Matthew D. Ryle
prodotto da Barbara Gladstone e Mathhew Barney
distribuzione: Glacier Field LLC Films
pellicola 35 mm 
dolby digital
durata 182’’

personaggi e interpreti
Richard Serra   Hiram Abiff
Aimee Mullins  Entered Novitiate
Nesrin Karanouh  Gary Gilmore
Matthew Barney  Entered Apprentice
Peter Badalamenti Fionn MacCumhail
The Mighty Biggs  Fingal

Matthew Barney
Matthew Barney nato a San Francisco nel 1967, ha esordito giovanissimo. Nel suo curriculum riconoscimenti e mostre personali nei più importanti musei del mondo come il San Francisco Museum of Modern Art, la Fondation Cartier a Parigi, la Tate Gallery a Londra, il Museum Boymans-van Beuningen a Rotterdam. Premio Europa 2000 per il miglior giovane artista alla Biennale di Venezia del 1993 ha conseguito nel 1996 l’Hugo Boss Prize; ha inoltre partecipato alla Biennale del Whitney Museum di New York (1993,1995) e a Documenta IX di Kassel (1992).

FESTIVAL CREMASTER
Fondazione Pitti Immagine Discovery
the Solomon R. Guggenheim Museum

CREMASTER 3 
2002, durata 182’ 
__Teatro Goldoni
    Firenze, Via Santa Maria 15
19__, 21,22,23, 24 giugno 2002
due proiezioni giornaliere
ore 16.00 _ ore 20.00

CREMASTER 4, 1994 , durata 42’ 16” 
CREMASTER 1, 1995,  durata 40’ 30”
CREMASTER 5, 1997, durata 54’ 30”
CREMASTER 2, 1999, durata 79’
__Cinema Goldoni
    Firenze, Via Serragli 109
19-24 giugno
in sequenza dalle ore 11.00 alle ore 15.00 e
dalle ore 15.30 alle ore 19.30
ingresso gratuito

per informazioni:
tel. 055 3693407

discovery@pittimmagine.com 

Social