17 giu 2014

Events Mr Start

Fashion
 


Cosa ti aspetti da questa esperienza a Pitti Uomo e a The Latest Fashion Buzz?

È la nostra prima volta a Pitti, grazie all’invito di Sara Maino (Senior Fashion Editor e Head of Talent a Vogue Italia). Ci aspettiamo una grande energia, un’atmosfera vivace e che The Latest Fashion Buzz sia il luogo ideale per presentare il nostro brand agli acquirenti del mercato internazionale, che ancora non ci conoscono. È davvero fantastico essere parte di un evento così speciale e proiettato al futuro. 
 
Quali sono i tuoi progetti professionali per il futuro? 
Al momento stiamo lavorando per sviluppare ulteriormente la nostra collezione Donna, che ha già riscosso un grande successo nei nostri negozi, e stiamo cercando la location giusta per aprire il secondo flagship store Mr Start a Londra.
 
Da dove deve iniziare uno stilista per dare stile agli uomini e alle donne, senza dover rinunciare alla propria identità?
Uno stilista deve sempre lavorare con una visione unica, decisa, e avere un proprio senso dello stile. Gli uomini tendenzialmente sanno ciò che gli piace; non cambiano stile ad ogni stagione tanto quanto fanno le donne, perciò quando trovano un marchio che propone dei capi che rispondono all’idea che hanno di sé, continueranno a tornarci ad ogni stagione. Quindi, è importantissimo mantenere il proprio DNA come stilista e come marchio, senza però risultare noiosi.
 
Quando è cominciata la tua passione per la moda e il design?
Quando ero molto piccolo, non me lo ricordo nemmeno. Ho sempre amato la moda, il design, l’arte e ho sempre lavorato in questo ambito. 
 
Quali sono i capi fondamentali, quelli che non possono mancare nella tua collezione?
L’abito corto. C’è un nuovo modo di vestire che sta prendendo piede, con il quale l’uomo può avere un proprio stile più libero. In passato gli uomini hanno giocato con i kilt e capi di questo genere, ma un bell’abito corto è sicuramente più facile da indossare e dà un tocco di modernità.
 
Chi è la tua icona della moda?
Non ne ho una. Ammiro molte persone e i loro percorsi e la loro creatività, ma non c’è una persona sola di cui posso fare il nome.
Social