Ph. Proj3ctStudio

Stylist: Un-Categorized

Make-up Artist: Caterina Cerretti

 

Project room Fashion out of Proportion. A menswear conversation with Tigran Avetisyan

Fashion / Photography by Sara Pizzi
 

Cambiamento, futuro, sperimentazione…per me queste parole sono la definizione della moda.

Quando un stile è per sua natura non convenzionale, richiede una forte dose di espressività e minimalismo per essere considerato innovativo. E ne deve avere di stile Tigran Avetisyan per essere stato tenuto a battesimo dal Gruppo LVMH in occasione della sua sfilata di diploma alla Central Saint Martins.
Un’occasione che non capita a tutti nella vita. O non capita proprio. E che Avetisyan ha saputo cogliere con una grande forza di volontà. 
A una passione per il decostruttivismo poetico di Helmut Lang, Tigran ha aggiunto i sentimenti di un’intera generazione, che prendono idealmente voce attraverso gli slogan impressi sui suoi capi. Il risultato è un menswear “over”: over in size per blazer, pantaloni e top dalla linea essenziale e la silhouette allungata. E over per espressività, con una sensibilità del tutto sui generis che si nutre di persone ed eventi che gravitano attorno al designer, fagocitando ogni sensazione, emozione e assorbendo ogni luogo, voce o persona con cui entra in contatto.
Lo abbiamo incontrato a Firenze in occasione di Pitti Uomo dove è stato protagonista del programma The Latest Fashion Buzz: il nuovo progetto speciale di Pitti Immagine, assieme a L’Uomo Vogue e GQ Italia, che ha visto in scena alcuni tra i migliori talenti della moda maschile internazionale. E tra lo shooting fotografico con il team di stylist di Un-Categorized e un appuntamento di lavoro, abbiamo scambiato qualche battuta sul suo essere stilistia.
 
Partiamo da qui, parlami della tua esperienza a Pitti Uomo? Diversa da quello che ti aspettavi?
E’ stato il mio primo Pitti in assoluto. E davvero non ho mai partecipato a niente di queste proporzioni e a questo livello di professionalità prima d’ora. Hai l’opportunità di conoscere così tante persone e di ricevere così tanti feedback che ti senti come frastornato, ubriaco, in senso positivo ovviamente.
 
E per quanto riguarda The Latest Fashion Buzz? Penso che la selezione dei designer sia stata molto interessante. E non perché chiaramente ne facessi parte, ma perché il team di The Latest Fashion Buzz ha fatto davvero un ottimo lavoro di scouting. Ho visto tra i migliori talenti emergenti della scena internazionale. E sono decisamente onorato di fare parte del loro gruppo!
 
Sentiamo spesso parlare, quando si tratta di giovani talenti, di “sperimentazione”, “futuro” e di “cambiamento”. Ma che cosa significano per te questi termini? 
Senza alcun dubbio queste parole rappresentano la definizione più pura di moda. Se smetti anche solo per una volta, per un’unica stagione, di cambiare, evolverti e sperimentare, hai smesso per sempre di essere uno stilista. Noi designer abbiamo il dovere di essere sempre alla ricerca del nuovo “New Look”.  
 
Sui tuoi capi sono spesso stampati degli slogan, come “Last Words” o “No Jobs”, ma che cosa significano esattamente per te? 
Non mi piace dare un significato preciso alle mie creazioni, né tantomeno agli slogan. Non voglio essere supponente, ma le definizioni non mi hanno mai convinto e poi mantenere un certo alone di mistero è importante per chi indosserà la mia collezione. Lo è per sentirsi pienamente a proprio agio e rappresentato dai miei capi. In un certo senso, lascio le persone libere di interpretarli come vogliono, vivendo gli “slogan” con l’intensità che più gli si adatta. Ecco la mia idea di fare moda!  
 
Che cosa ti spaventa di più dell’essere un fashion designer oggigiorno e, al contrario, cosa ti esalta di più di questo mestiere?
La cosa che più mi spaventa, sinceramente, è il rischio di essere un creativo solo all’occorrenza. Per soddisfare le richieste di qualcuno. E poi uscire con nuove collezioni ogni sei mesi è molto stressante. Ma detto questo, sono molto giovane e ho davvero tanto tempo per dire quello che penso e per provarlo e questo è molto, molto, esaltante!

ENTER THE EXHIBITION